Torino, Appendino lancia il menu vegano nelle mense scolastiche


 Pubblicato il     in  


Secondo il britannico ‘Indipendet’ Torino è la città più vegan-friendly d’Europa, e infatti da settembre per gli studenti delle materne ci sarà una volta al mese un menù totalmente vegetale.


Un giorno al mese nelle mense scolastiche torinesi saranno serviti solo piatti 100% vegetali.  La svolta vegan-friendly della Giunta Appendino partirà dopo l’estate insieme a una generale revisione di quello che verrà cucinato e servito ai piccoli studenti delle materne. Sulle tavole delle mense arriveranno infatti menu “più accattivanti”, con ricette ispirate – due volte al mese – alle tradizioni regionali, e poi più varietà di contorni e di cereali e appunto – una volta al mese -piatti privi di proteine animali. Con un unica eccezione – si fa sapere – sarà sempre presente l’opzione parmigiano per i primi piatti. 

I nuovi menu sono stati studiati sulla base di due indagini relative al gradimento dei pasti da parte degli studenti e dagli incontri con le commissioni mense, e sono stati  elaborati insieme all’Associazione Cuochi di Torino. “Un modo nuovo non solo di mangiare – spiega l’assessora all’Istruzione Federica Patti – ma anche per costruire percorsi educativi legati al cibo, anche inteso come identità, conoscenza e cultura”. L’inizio di un percorso che in futuro potrebbe portare all’introduzione accanto ai menù delle regioni, di quelli del mondo. Intanto i nuovi menu prevederanno piatti semplici come penne al pomodoro, lenticchie in umido, riso e piselli, fagioli e insalate per tutti i gusti.

In realtà non è la prima volta che un’Amministrazione comunale tenta di introdurre più opzioni vegetali nelle mense scolastiche. Ma i tentativi sono ogni quasi sempre falliti. A Milano nel 2013 si tentò (per un solo giorno, il 1 ottobre) la sperimentazione di un menu vegano – firmato dallo chef Pietro Leeman – per i bambini di materne, elementari e medie ma alla fine quasi nessuno lo apprezzò. Mentre a Firenze c’è stata una vera e propria insurrezione dei genitori contro l’introduzione di un menu più tradizionale nelle mense scolastiche cittadine che prevedeva anche molte più verdure.

Certo è che la sindaca Appendino aveva promesso, fin dal suo insediamento, un particolare impegno per la promozione dell’alimentazione vegetariana e vegana. E recentemente non aveva nascosto su Facebook ” la sua soddisfazione per il riconoscimento di Torino come città più vegan-friendly d’Europa da parte del britannico “Independent”.

Tratto da veggoanchio.corriere.it